Maniacs

 

153px-homer_sbava1

Ci sono due tipi di maniaci: quelli veri e propri, e su questo non si scherza.

 E poi ci sono i patetici, per lo più innocui.

Quelli che collezionano figuracce da chocolate maker e a cui, in fondo, bisogna esser grati perché riempiono i momenti morti sul lavoro: Questa te la devo raccontare, ieri in autobus c’era un tipo…

 Sapete a chi mi riferisco.

 Quelli che anche se gli hai chiesto come arrivare alla fermata della metro riempiono l’informazione con Bellissima gira a destra bellissima fino al semaforo bellissima.

 

Gli infantili: Quelli che ti arrivano alle spalle, ti farfugliano qualcosa e scappano.

 

I poeti mancati come quel  padre di famiglia in spiaggia: Guarda Tommy, una sirena che esce dalle acque…

 

Gli approfittatori o i finti altruisti  come i militari in treno : Ti porto io la valigia!

E come dimenticare quel giorno in spiaggia in pieno tsunami (Vuoi un asciugamano? Ma è sempre così il tempo dalle tue parti?)

 

Poi i pervertiti: quelli che ti sorprendono quando esci dal Pam sicura di avere una mise che farebbe scappare anche Fritz Haarman e invece fammi questo-fammi quello …Non dimenticherò mai il coraggio di Giò che quella volta a Bologna rispose: OK, tirati giù i pantaloni e facciamo presto che ho solo 5 minuti.  Ammutoliti.

 

Anch’io vorrei avere il coraggio di farlo.

Ma ho sempre paura che mi dicano:OK.

Annunci
Published in: on dicembre 5, 2008 at 12:25 pm  Comments (6)  
Tags: ,