Oldpapers

bmnewsrm1Ma cosa è questo schifo?

Kensaku non aveva ancora visto Renato Zero

Ma pure la Binetti nel Pd non scherza….

Quindici giorni fa Alexander Stille ha tenuto una lezione al corso di nuovi giornalismi organizzato da Internazionale in collaborazione con la Luiss. Per cominciare ha chiesto agli studenti quali sono gli argomenti di cui parlano più spesso con i loro amici, quelli che li preoccupano di più. In cima alla lista hanno messo il lavoro per i giovani, il ricambio generazionale, l’ambiente. Poi hanno preso le prime pagine dei quotidiani del giorno. E hanno cercato invano degli articoli su quegli argomenti. Se i quotidiani vendono sempre meno copie è colpa soprattutto di quella distanza, ogni giorno più grande, tra i bisogni di chi compra i giornali, o vorrebbe comprarli, e gli interessi di chi li fa. Tra domanda e offerta. In fondo non è molto diverso da quello che succede nel Partito democratico. Perché, curiosamente, oggi in Italia il centrosinistra ha gli stessi difetti di molti quotidiani. La stessa incapacità di rinnovarsi. Condita con molta autoreferenzialità che a volte sconfina nell’arroganza

Giovanni de Mauro, La Settimana, INTERNAZIONALE 783, 20 FEBBRAIO 2009

Ps: La Binetti ha detto Non condivido la  posizione  di Franceschini su un tema così importante come quello della bioetica.

Qualche punto in più  se l’è guadagnato pure Franceschini…

Annunci
Published in: on febbraio 28, 2009 at 4:36 pm  Lascia un commento  

Maghreb in Campo

kebab_108c__small_2Boccolino lo sa.

 Quando mi vede arrivare con gli occhi dilatati dalla fame alle 16.45 del pomeriggio non ho neanche bisogno di pronunciare le paroline magiche:

Mettici tutto.

Un kebab da 5000 calorie  smuove anche un carro armato impantanato.

Anche la salsa di ceci?

Ho detto tutto.

Ecco, Principessa. Grazie, Boccolino.

Ora posso affrontare pure gli spagnoli.

(Io)Ciao, hai bisogno di qualcosa?

(Pablo)Un po’ di amore.

(Io)Quello l’abbiamo finito, ti va un po’ di tè?

 

Sono stanca.

Published in: on febbraio 24, 2009 at 8:51 pm  Comments (2)  
Tags: ,

FORTUNA

homer-munch

 Avete presente la canzone di Caparezza Ma chi ca*** me lo fa fare?

La compagnia, garanzia di noia sicura, lo porta al concerto dei Gotici della Morte (Predicano morte, vogliono morte, morte a palate, se vi piace la morte spiegate… pecché nun v’ammazzate?),  allo stadio e in discoteca, i non-luoghi del divertimento.

 Ieri me lo son chiesta anch’io.

Ma chi ca*** me lo fa fare di andarmene in giro per Venezia la domenica di carnevale? Di essere trascinata in piazza ad ammirare sessantenni imbellettate e stagionati damerini con il bustino?

 Mària, vara che bea Ma come i farà? I xe tanto bravi…

E  il  concerto dei Carmina Burana? 

Non si può ascoltare Fortuna senza dar fuoco a qualche villaggio…. 

Fortuna che lo xilofonista non era niente male..

 

Published in: on febbraio 23, 2009 at 7:28 am  Comments (5)  
Tags: , ,

Italian for dummies

dumb_and_stupidDi ritorno da Oz, in una Venezia più surreale e felliniana del solito, un caffè al sole e una tirata d’orecchie: così riparte questo blog, orfano di madre, troppo impegnata a seguire il bianconiglio.

Ma ecco che si riparte.

E si riparte da ieri sera:

L’italiano è stupìdo.

Mi giro verso B., il pennarello in mano e la tabella dei possessivi alle spalle.

Prego?

Con un accento che farebbe invidia a Stanlio e Ollio, B. espone la sua democratica teoria: Tutti dovrebbero parlare inglese e basta.

E non succede già ?

L’italiano è stupìdo, troppe regòle, americans più migliore.

Da quando faccio lezione con B avrei voglia di girare sempre con una bandiera del NoDalMolin in tasca.

Comunque grazie per i grits,B, li farò domani a colazione(contaci)

Published in: on febbraio 21, 2009 at 10:00 am  Comments (6)