Vincent

Chi non si è mai sentito un pò Vincent da bambino?

Oppure ero solo io che a dieci anni leggevo i racconti di Poe?

Comunque ecco il primo cortometraggio di Tim Burton.

Chissà perchè l’hanno cacciato dalla Disney (o come direbbe Bart Simpson sono il topo di una pessima multinazionale)

Annunci
Published in: on ottobre 30, 2008 at 9:03 am  Comments (2)  
Tags: , , ,

Cena sulla quarta corda

Cena a casa Macchi

Il brodo della mamma uh, la pastina di nonna Ida e il pane ai cereali fatto in casa, Artù e Nanà che osservano la pioggia, Maia che si trascina avanti e indietro, come una vecchietta con la sciatica.

E babbo che suona la quarta corda al pianoforte.

Che bella che era la sigla di Quark!

Published in: on ottobre 29, 2008 at 8:27 am  Lascia un commento  
Tags: ,

Dormire è essere svegli da un’altra parte

La scena di Scrat in paradiso è esattamente quello che provo ogni mattina al risveglio.

Settimana elettrica

E’ un pò che non scrivo. Anche se le visite sono sempre più numerose (quasi 9000 da febbraio: grazie ragazzi) mi dimentico che questo blog l’ho cominciato per me. Per tenere i pensieri in ordine e impedire che ti portino alla deriva.

Questa è stata una settimana da scintille: stressante oltre ogni dire. Dopo visite mediche a Padova, treni che partono quand’è ancora buio (alba su Dolo: imperdibile) studenti che odiano il tiramisù-e-si-iscrivono-all’-attività-del-tiramisù, discussioni elettriche e fornetti inaffidabili, studentesse che arrrivano un quarto d’ora dopo tanto siamo in Italia e tu sei lì che aspetti da mezz’ora , americani che vogliono intagliare le zucche per Halloween a scuola(dear guys: prendete il primo volo per il New Jersey e buon divertimento) arrivi al punto che non tolleri più niente.

Neanche i politici in tv che si chiamano per nome “Ma no, Marino, non volevo dire questo, Ma no, caro Massimo, non hai capito”tanto per rinforzare dentro di te l’idea che tanto, rivali o no, sono tutti amiconi e che la politica è un giochetto di potere tra addetti ai lavori. Vuoi mettere con lo stile d’oltralpe? Monsieur Sarkozy, je ne vous permette pas de…Madame Royal, vous avez tout à fait raison…

 E poi non sopporti più quelle facce da prendo-il-treno-una-volta-l’anno mentre tu ci abiti quasi e devo sorbirti i loro rimbrotti perchè occupi il loro posto(Qualcuno di trenitalia può fare qualcosa per dare agli abbonati dei posti a sedere garantiti?Grazie) Per fortuna la settimana sta finendo. Speriamo nella prossima. Perchè anche il weekend promette male.

Published in: on ottobre 25, 2008 at 9:04 am  Comments (2)  
Tags: , , , ,

Just for fun

La nebbia è arrivata e con lei il raffreddore: i miei studenti starnutano e tossiscono che -neanche- in- un- gulag. Allora ho voglia di ridere un pò: grazie a FP che mi ha passato queste perle.

“DIALOGHI VERI SVOLTISI NEI NEGOZI UNIEURO” parte I

Di fronte ai forni a microonde:
– Sono tutti portatili questi televisori?
(buona visione)

– Avete quello per attirare le farfalle nei negozi?
(l’entomologo)

– Che differenza c’è tra questi due televisori Sony?
– Questo costa di più perché è stereo…
– Ah, non è Sony?

– Quella sveglia ha la sveglia?

– Che differenza c’è tra le cassette da 30 minuti e quella da 45 minuti?

Il commesso spiega il funzionamento di un telefono senza filo:
– Questo ha una portata di 100 metri.
– Ah, allora posso telefonare solo a quelli del palazzo di fronte?
– Scusi, cosa vuol dire la scritta SCART che vedo su alcuni televisori?
– Vuol dire che hanno una presa apposita per videoregistratori.
– Ah, credevo fossero degli scarti di magazzino…
(e lo scrivono sulla scatola?)

– Questo televisore che tipo di tubo cattolico monta?
(versione giubileo)


Mimando il gesto di lavarsi i denti:
– Volevo vedere dei rasoi elettrici.
(ahia)

– Avete un televisore a 18 cavalli?
(il cow boy)

– Avete le lampade a basso risparmio energetico?
(meglio non esagerare)

– Questa telecamera ha anche l’effetto piovra?

– Questo trapano serve anche per svitare e invitare?
(rsvp)

– Ci sono i telefoni tipo walkman?

– Vorrei uno stereo, volevo spendere tra le 500 mila e il mezzo milione.
(le idee chiare)

 

 

Published in: on ottobre 17, 2008 at 7:15 am  Lascia un commento  
Tags: ,

Mondo stinfio

La dott alza gli occhi dai risultati degli esami e mi guarda:

Ma che vita fai??

Chissà cosa le hanno raccontato i miei globuli rossi. Forse ce ne è uno a forma di tenerina, la torta tipica di Ferrra. Chissà come Yocci disegnerebbe questa scena.

 Dottore guardame occhio grandi

Di sicuro dopo la festa di Internazionale tutto sembra più stinfio, come dice Piperita Patty di Schulz. Yocci che mi disegna, che dice solo sì o no, le merende al Cafè de la Paix, il Panpizza, i monaci tibetani e i cappellacci al ragù, il cous cous, i libri, la garanzia che in quella fila nessuno ha votato per lui, Leo Hickman e il suo ecoviaggio Londra/Ferrara, le bici.

E’ da malati pensare già alla festa del prossimo anno?