Umanistico-affettivo ma non troppo

Fare un corso di lingua non è come andare a fare la spesa.

Mi dia un pò di congiuntivi, due etti di pronomi e un chilo di condizionale…

Alcuni studenti arrivano con le idee chiare. Ottimo ma senza queste tre paroline magiche non si va da nessuna parte:

TEMPO

PAZIENZA

UMILTA’

In certe culture esiste invece la concezione cumulativa del sapere. Lunedì imparo questo, mercoledì quest’altro quindi tra due settimane sarò arrivato a questo livello esatto. Inutile dire che quando questi studenti scontrano con tutte le difficoltà e le complessità di una lingua come l’italiano lo sconforto è alle stelle.

Non si impara nessuna lingua in modo veloce.

Non si impara neanche nessuna lingua divertendosi. Voglio dire, non solo divertendosi. Niente sostituisce quelle due-tre ore sui libri. Speriamo che ora non mi ritirino il diploma!

The URI to TrackBack this entry is: https://lejournaldesara.wordpress.com/2008/07/20/umanistico-affettivo-ma-non-troppo/trackback/

RSS feed for comments on this post.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: