Il paradiso dei pendolari

japan-honeymoon-116.jpg

In Giappone abbiamo viaggiato con gli shinkansen , i famosi treni proiettile.

L’organizzazione delle stazioni giapponesi ha dell’ incredibile:

  • Degli avvisi in inglese e giapponese comunicano quanti minuti e quanti secondi mancano all’arrivo del treno
  •  Al binario delle linee a terra numerate delimitano il punto esatto in cui la porta del treno si aprirà, in modo che i passeggeri possano aspettare in modo ordinato e rigorosamente in fila
  • I treni sono di una puntualità assoluta( i ritardi medi sono di dieci secondi)
  • Lo spazio interno è molto confortevole se non fosse per i bagagli voluminosi degli occidentali ( i giapponesi sono abituati a spedire  a parte i bagagli ingombranti:fatelo anche voi, è comodissimo!)
  •  I sedili sono sempre orientati in direzione della destinazione (grazie alla semplicissima trovata di averli resi girevoli)
  • All’interno di ogni carrozza c’è uno schermo che annuncia le fermate  sia in caratteri ideografici sia fonetici.

Ma quello che mi è piaciuto di più sono stati i controllori: prima di uscire da ogni carrozza, anche se nessuno li stava a guardare, facevano un profondo inchino ai signori clienti pendolari.

Trenitalia, prendi appunti!

Annunci
Published in: on marzo 29, 2008 at 12:10 pm  Comments (2)  
Tags: , , , ,

Cantiamo tutti insieme!!!

copia-3-di-102037.jpg

Io rispetto la par condicio…

E allora vai con questo I’M PD!

Sì, è un pò patetico anche questo  ma almeno è un pò più genuino , ci sono persone più vere e autentiche-o perlomeno verosimili- e non veline scartate ai provini!

E poi che soddisfazione cantare

“Se Mastella non c’è tanto meglio per te….”

http://it.youtube.com/watch?v=E0UBZ0z0bvo

Published in: on marzo 28, 2008 at 11:53 am  Comments (2)  
Tags: ,

Meno male che il Berlusca c’è!

santo_silvio.jpg

Altrimenti cosa farebbero i comici in Italia? ( A proposito, facciamo una raccolta firme per far tornare i Guzzanti in tv??)

Nell’attesa godetevi questo video. No, non è una parodia. E’ l’inno del Partito della libertà (di Silvio).

Gelatai, muratori,ragazzi dei call center, professori del Cepu non allarmatevi… lui c’è! Non ci libereremo presto del Krusty il Clown italiano.

Buona visione:

http://it.youtube.com/watch?v=Wzn1iFkKt_I

Published in: on marzo 28, 2008 at 8:56 am  Comments (6)  
Tags: ,

Cosa c’è nel mio i-pod

smashingpumpkins.jpgnick_cave.jpgmad_season_pic.jpgradiate.jpg2031072.jpgvillevalo24.jpgcopia-di-tricarico.jpgamelie_enfant.jpgamadoumariam.jpgimg_rem.jpgsystem_of_a_down_l2.jpgmia.jpgsq_auf_red_pub_cap.jpgnirvana460.jpgnews_thekillers-739607.jpgnormal_tori-amos-7.jpgplacebo.jpgsubsonica.jpgfranz_ferdinand-06-big.jpgfo_in_vibrazioni_g.jpgfo_in_caparezza_g.jpgeditors.jpgdave_gahan_promo2003_1.jpgcranberries.jpgconsoli.jpgamy-winehouse-2007-elle-style-awards-in-london-16tohi.jpg2005919171521_negramaro_a2_4.jpgpj-harvey.jpgbowieblacktiewhitenoise.jpgbjork-ps01.jpg045_8163the-cure-group-posters.jpg

Li riconoscete tutti?

Published in: on marzo 24, 2008 at 4:27 pm  Comments (2)  
Tags:

La volpe e la bambina

h_9_ill_986925_renard-enfant.jpgvolpe12.jpgvolpe.jpg

E’ una favola ma non è (solo) per bambini. Una splendida storia d’amore tra una bambina e una volpe. D’amore, non di possesso. Titou la volpe non sarà mai il cagnolino di nessuno ma una guida , come in Alice nel paese delle meraviglie, alla scoperta del bosco e delle montagne.

Chi ama la bellezza della natura non in senso antropocentrico non può che amare questa bellissima storia animalista, un incrocio tra il Piccolo Principe e Biancaneve di Walt Disney.

La natura è un tempio meraviglioso che gli uomini non fanno che violare.

E allora consideriamo se questa è un volpe, catturata con una tagliola e torturata  per una pelliccia (per farne una ce ne vogliono 20) o per rifinire giacconi,  cappottini, guanti.    

(Per approfondire http://pellicce.felinesoul.net/allevamenti/allevamento-volpi.html)

 

 

O se è quest’altra una volpe,libera, selvaggia e felice.

La volpe e la bambina, un film di Luc Jacquet, Francia, 2007.

Ps: Solo la prima foto è tratta dal film

 

Published in: on marzo 24, 2008 at 10:35 am  Comments (8)  
Tags: , ,

Preferenze2

copia-2-di-102037.jpg

NON MI PIACCIONO:

  • Le classi monolingue(magari americani…)
  • I reality e i varietà, forse dovrei dire la tv italiana
  • I macho
  • I suv (con macho a bordo poi…)
  • Insegnare i pronomi doppi ( magari ad una classe monolingue americana…)
  • Trenitalia
  • Il cibo fritto
  • I balli di gruppo
  • I dj
  • I cacciatori
  • I baci forzati tra parenti
  • Le convenzioni e le tradizioni sterili, del tipo “si-fa-così-perchè-si-è-sempre-fatto-così”
  • Le pellicce
  • Le abbuffate con le conseguenti corse in cyclette per recuperare
  • I finti moralisti (del tipo: viva la famiglia e poi va a putt…)
  • I professori alla Briam…..
  • Il qualunquismo piove-governo-ladro
  • Andare dalla parrucchiera
  • La stazione di Mestre
  • Quelli che portano le radio in spiaggia
  • ……………………………………………..continua
Published in: on marzo 21, 2008 at 5:16 pm  Comments (4)  
Tags: , , , ,

Preferenze

copia-di-102037.jpg

 

MI PIACCIONO:

  • Le serate divano-pizza-dvd
  • Le crepes
  • Il darkrock(vedi Editors, Smashing Pumpkins…)
  • Il cibo biologico
  • Le gerbere e i bonsai
  • Il cioccolato
  • I film Tim Burton-Johnny Depp
  • Il riso cinese
  • I musicisti (sopratutto violinisti e pianisti…)
  • Le fotografie in bianco e nero
  • Tutti gli animali….dall’echidna al soriano
  • La musica classica
  • Le scarpe con il tacco
  • Cucinare dolci
  • Camminare con l’i-pod
  • Leggere di tutto (da Stephen King in su )
  • Parlare un’altra lingua
  • Gli alberi di pesco e di ciliegio
  • Andare ai concerti
  • I Simpsons
  • I dolci ebraici del ghetto di Venezia
  • La storia in particolare quella del sedicesimo secolo
  • Guardare i classici dell’horror con le amiche
  • L’appuntamento d’ottobre con Internazionale a Ferrara: cultura, giovani veri e torta morbidina!
  • Essere all’estero
  • Le vignette del New Yorker
  • Fare colazione con il giornale
  • Le città con un fiume

 

 

……………………………………………………………………………continua

Fuji-san

copia-di-japan-honeymoon-297.jpgcopia-di-japan-honeymoon-271.jpg

 Dicono che sia difficile vederlo perchè è spesso avvolto dalla nebbia.

 Ma noi siamo stati fortunati: in una bellissima giornata di primavera abbiamo visto la sua cima innevata da una barca sul lago Ashi ad  Hakone, una località di vacanza molto in voga tra i giapponesi.

 In  cima al monte Fuji si trova un santuario scintoista dedicato alla principessa spirito della fioritura dei ciliegi. Il Fuji-san è un vulcano ancora attivo alto 3776 metri.

I giapponesi dicono che scalarlo una volta  è saggio, due è sciocco.

 

Published in: on marzo 20, 2008 at 5:36 pm  Lascia un commento  
Tags: ,

Dall’alto del castello di Himeji

copia-di-japan-honeymoon-076.jpgjapan-honeymoon-086.jpgjapan-honeymoon-083.jpg   

Il castello di Himeji vale da solo l’intero prezzo del biglietto aereo per il Giappone( che è poi l’unica spesa ingente in un paese considerato-a torto-carissimo). E’ un tipico esempio di castello giapponese, edificato nel 1306, con tanto di mura-bianchissime-, bastioni e artiglieria, circondato da un classico giardino giapponese.Passeggiare nelle ali del castello è spettacolare come pure vederlo sbucare all’orizzonte una volta arrivati alla stazione di Himeji. A proposito, orientarsi in Giappone è incredibilmente facile. Grazie alla segnaletica perfettamente visibile (una foto del castello con tanto di freccia ti accompagna dal binario della stazione fino al castello, proprio come in Italia eh), e alla gentilezza dei giapponesi-che si fermano ad aiutarti appena vedono due americans con la cartina in mano.

Published in: on marzo 17, 2008 at 6:31 pm  Lascia un commento  
Tags: , ,

Japan

Dal 15 al 30 maggio 2007 io e Raniero siamo stati in Giappone. E’ stato un viaggio bellissimo e difficile da raccontare.

Kyoto,Tokyo, Nara, Nagano, Hakone, Himeji e Kamakura. 

Sette città incredibile e mille anedotti, foto, video, eventi, cibi e musica e tanto altro. Come raccontare tutto senza annoiare? Con una foto e un miniracconto alla volta!

Se state per partire per Tokyo vi consiglio il sito di una studentessa d’italiano giapponese:

http://il-nuovo-milione.net/

Published in: on marzo 17, 2008 at 6:18 pm  Lascia un commento  
Tags: ,

Strani supereroi

cap_venezia1.jpg

E’ tutto vero.

Ora anche Venezia ha il suo supereroe: Capitan Venezia. Come Spiderman e altri personaggi dei fumetti è nato dalla fusione di un uomo, uno studente di Venezia-IUAV o Ca’Foscari si dovrà indagare-e il leone di Venezia.

Come tutti i supereroi che si rispettano, anche Capitan Venezia ha i suoi cattivoni, i nemici della laguna come Cozzaman e Uomo Moeca.

Non è che potrebbe venire in trasferta a Vicenza contro Calearo?

Published in: on marzo 16, 2008 at 5:13 pm  Comments (2)  
Tags: ,

La torta della nonna

copia-di-marzo08-028.jpgcopia-di-marzo08-029.jpgcopia-di-marzo08-033.jpgcopia-di-marzo08-034.jpgcopia-di-marzo08-037.jpgcopia-di-marzo08-040.jpg

A grande richiesta ecco la ricetta della mia famosa torta, tramandata di madre in figlia dalla mia famiglia 😉

Una ricetta  immensamente semplice, quasi banale ma il risultato, come molti di voi hanno apprezzato, non è niente male.Tre sono i fattori segreti per questa torta:

La frumina, il tempo di cottura e la ricotta al posto del burro… tutto svelato per voi!

Ingredienti: 

 2 etti e mezzo di ricotta

1 etto di zucchero

3 uova

1 etto di frumina

2etti di farina

½ bicchiere di latte

1 etto di gocce cioccolata fondente

1 bustina di lievito vanigliato

 

In una terrina mescolate lo zucchero e la ricotta fino a ottenere una crema. Aggiungete due uova e la frumina(amido di frumento ) che rende più morbido l’impasto.

Sempre mescolando aggiungete il terzo uovo e la farina.Poi è la volta del latte e della cioccolata fondente tagliata a pezzetti. Per i più pigri vanno benissimo anche le gocce di cioccolata già pronte (tipo quelle della Perugina)

Spolverizzate con il lievito e voilà: in forno (il mio è elettrico) a 180 gradi per TRENTUN minuti. Non uno di più e non uno di meno. Lo stesso impasto può servire per fare dei muffins. In questi casi lasciarte in forno per 20 minuti.

 

BUON APPETITO!

 

 

 

 

 

Published in: on marzo 16, 2008 at 11:46 am  Comments (19)  
Tags: ,

Treni e ambiente

12102007213.jpg

 

Siamo 13 milioni, il 22,2% della popolazione residente.

Siamo i pendolari, quelli che impiegano in media 72 minuti per gli spostamenti giornalieri di andata e ritorno, l’equivalente di 33 giornate lavorative all’anno. Tra il 2001 e il 2007 siamo cresciuti del 35,8%, quasi 3,5 milioni di persone in più. 
Il fenomeno del pendolarismo si manifesta soprattutto a livello locale, con spostamenti concentrati in gran parte su percorsi limitati. La maggior parte dei trasferimenti avviene tra comuni della stessa provincia, dove ogni giorno si impiegano in media 43 minuti per coprire una distanza media di 24 chilometri.
Dalla ricerca del Censis emerge che i problemi principali sono: i tempi di attesa, la puntualità, la tutela da molestie e furti, le informazioni sul servizio, i, l’affollamento delle carrozze, lo scarso comfort a bordo, l’inadeguata climatizzazione , la vecchiaia delle carrozze, la scarsa pulizia degli scompartimenti e delle toilettes.
Nel 2007, Trenitalia ha trasportato 472 milioni di passeggeri sulle tratte locali e regionali contro i 465 milioni del 2006; all’impennata della domanda non ha corrisposto però un adeguato aumento dell’offerta.

Si parla tanto dei problemi ambientali, dell’inquinamento, del traffico. Una delle soluzioni potrebbe essere proprio quella di incentivare l’uso del treno! Perchè i lavoratori dovrebbero abbandonare la loro macchina quando sentono le lamentele dei loro colleghi pendolari?

 Voglio Piero Ottone ministro delle Infrastrutture!

Published in: on marzo 15, 2008 at 11:38 am  Comments (2)  
Tags: , , ,

Buon compleanno!

copia-di-copia-di-elba-088.jpg

Oggi è il compleanno del mio grandissimo amore!TANTI AUGURI RAN!!!!!!

 

Published in: on marzo 8, 2008 at 10:43 am  Lascia un commento  

In difesa degli ultimi

 

Quest’anno la Cina è sotto i riflettori: il paese comunista meno egualitario del mondo ospiterà le Olimpiadi.

Questo avrà  il merito di attirare l’attenzione sulle innumerevoli violazioni dei diritti umani ( uno tra tutti, la pena di morte prevista per 68 reati tra cui l’evasione e la frode fiscale. L’avessimo noi, non avremmo più nessuno in parlamento…?)anche se è molto probabile che una volta finiti i giochi l’attenzione si sposterà di nuovo da un’altra parte. Approfitto allora per attirare l’attenzione su un argomento che a molti di voi sembrerà minore, assolutamente secondario rispetto a crimini efferati quali la tortura e la pena di morte. Ma sono convinta che una società si giudichi anche per come tratta i più deboli. E chi è più debole di chi non può parlare?

La Cina è il più grande mangiatore di cani e di gatti al mondo.Più di 10 milioni di cani vengono macellati ogni anno. A chi mi dirà che è un fatto culturale, che… noi mangiamo il coniglio (io no comunque) che fa tanto orrore ai giapponesi, e allora solo perché a te piacciono i cani e i gatti e come la mettiamo con le mucche e i nostri macelli e perchè, tu non mangi il ragù e bla bla bla.

Ok. Ma ascoltate lo stesso per favore

Nei macelli cinesi vige l’idea che più l’animale muore lentamente e dolorosamente  più prelibata sarà la carne. Non vi dirò i dettagli ma credetemi, sono agghiaccianti. Gli investigatori di Animal Asia sono stati testimoni di camion caricati con più di 2000 cani per camion arrivati ai grossisti di vendita Hua Nam Wild Animal Market a Guangzhou.
Il mercato della carne di cane e di gatto sta diventando sempre più industrializzato ed è pure promosso dal governo in alcune zone. Si sono sviluppati grandi allevamenti e l’importazione di razze giganti come i San Bernardo, che sono incrociati con la razza locale Mongrel, per avere razze a crescita veloce e docili ‘cani da carne’ che possono essere macellati a 4 mesi di vita.

Ulteriori indagini rivelano che la pelliccia dei cani macellati sta arrivando sui mercati locali ed internazionali( certo, anche in Italia) e viene utilizzata come “guarnizione” per capi di moda, o per bigiotterie come anellini o accessori per capelli.
Animals Asia Foundation e’ una fondazione di pubblica utilita’ registrata a Hong Kong che dipende completamente dalla generosita’ del pubblico. E’l’unica associazione che fa concretamente qualcosa in collaborazione con le autorita’ cinesi. Se volete sapere di più sulle altre sue attività cliccate su http://www.animalsasia.org/index.php?module=64&menupos=1&lg=it 

Un’ultima cosa: qualche volta mi capita di incontrare persone, anche tra i miei amici, che sembrano quasi un po’ infastiditi dal mio interesse per la difesa degli animali. Come se allora dovessimo aspettare la fine delle guerre nel Darfur ( a proposito, io sono socia di Amnesty International) per interessarci ai canili lager o alla vivisezione. Bene, il fatto è che chi muove queste polemiche non fa niente. Neanche per il Darfur.

Una volta mi hanno chiesto: Se vedi un bambino e un cane che stanno annegando in un fiume chi salvi? Risposta: Tutti e due.

Published in: on marzo 5, 2008 at 9:18 am  Comments (3)  
Tags: , , , , , ,

Persepolis

persepolis.jpgpersepolis_2_144215-02122007_ita.jpg

 A Vicenza sopravvive un vecchio cinema. Di quelli con le tende rosse e con la spia luminosa che indica l’inizio del secondo tempo.  Quest’anno ha compiuto cent’anni ed è l’ultima roccaforte contro i multisala e i film commerciali. Ieri proiettava Persepolis.

Un film straordinario che ha ricevuto dieci minuti di standing ovation al Festival di Cannes ma che a Vicenza è rimasto solo per tre giorni. Un film bellissimo, ironico e commovente. E’ il viaggio di una ragazza dall’Iran prigioniero del fanatismo religioso ad un Europa emancipata ma senz’anima. Da non perdere assolutamente. 

Published in: on marzo 2, 2008 at 10:15 am  Comments (2)  
Tags: , ,