Ai lettori….

dumbledore-is-gay-lolcat

Come ho già detto a Federica e a Sabrina nel mio ultimo post…

Ebbene sì sto tramando qualcosa….la mia vita sta per cambiare radicalmente e ad una velocità da lasciare senza fiato. E’ questa la ragione del mio blocco.

Ma tra poche settimane il blog riprenderà come mai prima e in un modo completamente diverso.

Forse vi ho incuriosito ma per ora non posso dirvi di più.

Alle prossime puntate….

SaRa

Published in: on aprile 11, 2009 at 3:42 pm  Comments (10)  

Te ‘sta ben!

pugs-pug-dog-art-painting1Che meraviglia il genere umano!

Sea gà cercada!

La signora Flistones, fresca  di parrucchiere, passa a prendere i frugoletti  a scuola d’ inglese e pensa bene di scegliere  me come  interlocutrice

Mariaversine non so neanca bona de ciapar il bus con tutti ‘sti stranieri

Ehhh sììì certo (sorriso sarettiano imbarazzato)

E quea dona de treviso! Amassada dal so fidanzà

Tremendo!

Se a gà cercada!

Come??

Non ci si mette con uno di 15 anni più giovane e di un’altra cultura!

Ah no?

Te ‘sta ben! Ora vado che so in ritardo per a messa...

Se Gesù arrivasse qui ti appenderebbe al lampadario ma questa è un’altra storia…

Published in: on marzo 7, 2009 at 2:27 pm  Comments (21)  
Tags: ,

Dark Dancers

Tutte le anime solitarie sanno cosa significa crearsi un mondo altro.

Ma solo Bjork, diretta da Lars vonTrier, in Dancer in the Dark può arrivare a tanto

I’ve seen it all, I have seen the trees,
I’ve seen the willow leaves dancing in the breeze
I’ve seen a man killed by his best friend,
And lives that were over before they were spent.
I’ve seen what I was – I know what I’ll be
I’ve seen it all – there is no more to see

Ps: Il balletto dei boscaioli merita da solo l’intero film….

Published in: on marzo 2, 2009 at 7:03 am  Lascia un commento  
Tags: , ,

Oldpapers

bmnewsrm1Ma cosa è questo schifo?

Kensaku non aveva ancora visto Renato Zero

Ma pure la Binetti nel Pd non scherza….

Quindici giorni fa Alexander Stille ha tenuto una lezione al corso di nuovi giornalismi organizzato da Internazionale in collaborazione con la Luiss. Per cominciare ha chiesto agli studenti quali sono gli argomenti di cui parlano più spesso con i loro amici, quelli che li preoccupano di più. In cima alla lista hanno messo il lavoro per i giovani, il ricambio generazionale, l’ambiente. Poi hanno preso le prime pagine dei quotidiani del giorno. E hanno cercato invano degli articoli su quegli argomenti. Se i quotidiani vendono sempre meno copie è colpa soprattutto di quella distanza, ogni giorno più grande, tra i bisogni di chi compra i giornali, o vorrebbe comprarli, e gli interessi di chi li fa. Tra domanda e offerta. In fondo non è molto diverso da quello che succede nel Partito democratico. Perché, curiosamente, oggi in Italia il centrosinistra ha gli stessi difetti di molti quotidiani. La stessa incapacità di rinnovarsi. Condita con molta autoreferenzialità che a volte sconfina nell’arroganza

Giovanni de Mauro, La Settimana, INTERNAZIONALE 783, 20 FEBBRAIO 2009

Ps: La Binetti ha detto Non condivido la  posizione  di Franceschini su un tema così importante come quello della bioetica.

Qualche punto in più  se l’è guadagnato pure Franceschini…

Published in: on febbraio 28, 2009 at 4:36 pm  Lascia un commento  

Maghreb in Campo

kebab_108c__small_2Boccolino lo sa.

 Quando mi vede arrivare con gli occhi dilatati dalla fame alle 16.45 del pomeriggio non ho neanche bisogno di pronunciare le paroline magiche:

Mettici tutto.

Un kebab da 5000 calorie  smuove anche un carro armato impantanato.

Anche la salsa di ceci?

Ho detto tutto.

Ecco, Principessa. Grazie, Boccolino.

Ora posso affrontare pure gli spagnoli.

(Io)Ciao, hai bisogno di qualcosa?

(Pablo)Un po’ di amore.

(Io)Quello l’abbiamo finito, ti va un po’ di tè?

 

Sono stanca.

Published in: on febbraio 24, 2009 at 8:51 pm  Comments (2)  
Tags: ,

FORTUNA

homer-munch

 Avete presente la canzone di Caparezza Ma chi ca*** me lo fa fare?

La compagnia, garanzia di noia sicura, lo porta al concerto dei Gotici della Morte (Predicano morte, vogliono morte, morte a palate, se vi piace la morte spiegate… pecché nun v’ammazzate?),  allo stadio e in discoteca, i non-luoghi del divertimento.

 Ieri me lo son chiesta anch’io.

Ma chi ca*** me lo fa fare di andarmene in giro per Venezia la domenica di carnevale? Di essere trascinata in piazza ad ammirare sessantenni imbellettate e stagionati damerini con il bustino?

 Mària, vara che bea Ma come i farà? I xe tanto bravi…

E  il  concerto dei Carmina Burana? 

Non si può ascoltare Fortuna senza dar fuoco a qualche villaggio…. 

Fortuna che lo xilofonista non era niente male..

 

Published in: on febbraio 23, 2009 at 7:28 am  Comments (5)  
Tags: , ,

Italian for dummies

dumb_and_stupidDi ritorno da Oz, in una Venezia più surreale e felliniana del solito, un caffè al sole e una tirata d’orecchie: così riparte questo blog, orfano di madre, troppo impegnata a seguire il bianconiglio.

Ma ecco che si riparte.

E si riparte da ieri sera:

L’italiano è stupìdo.

Mi giro verso B., il pennarello in mano e la tabella dei possessivi alle spalle.

Prego?

Con un accento che farebbe invidia a Stanlio e Ollio, B. espone la sua democratica teoria: Tutti dovrebbero parlare inglese e basta.

E non succede già ?

L’italiano è stupìdo, troppe regòle, americans più migliore.

Da quando faccio lezione con B avrei voglia di girare sempre con una bandiera del NoDalMolin in tasca.

Comunque grazie per i grits,B, li farò domani a colazione(contaci)

Published in: on febbraio 21, 2009 at 10:00 am  Comments (6)  

BUON 2009

 

Non avete mai pensato: Ah, se potessi farlo io il consiglio dei ministri!

Avendo la più totale libertà chi scegliereste?

Prima di fare la valigia per Roma vi propongo un gioco.

 

Ecco le mie fantastiche proposte:

 

 

Caparezza: Beni e Attività Culturali con delega per il Mezzogiorno (Vieni a ballare in Puglia Puglia Puglia dove la notte è buia buia buia)

 

Giovanni de Mauro: Lavoro, Salute e Politiche Sociali (Il giovane direttore di Internazionale)

 

Giorgio Bocca: Ministro della Difesa (in virtù del suo passato di partigiano)

 

 

Piero Ottone: Ministro delle Infrastrutture e Trasporti ( con carta bianca per Trenitalia)

 

Vittorio Zucconi :Affari Esteri (Meravigliosi i suoi racconti made in usa)

 

Concita de Gregorio: Ministro dell’interno ( Non mi viene in mente una ragione plausibile ma mi piace e dovevo metterla da qualche parte)

 

 Gialuca Felicetti: Ambiente, Tutela del Territorio ( Il presidente della Lav, uno che della natura si interessa per davvero)

 

Loretta Napoleone: Economia e Finanze (Eccezionale economista esperta in terrorismo islamico)

 

Roberto Saviano:Giustizia (Devo aggiungere altro?)

 

Curzio Maltese:Pubblica amministrazione e Innovazione (Why?Because)

 

Ivan Scalfarotto:Pari opportunità (un esempio di cervello italiano in fuga)

 

Margherita Hack: Istruzione, Università e Ricerca (una delle donne più brillanti che abbiamo)

 

Michele Serra: Presidente del consiglio (Azzardato? Chissà. Ma sarebbe un’Italia tutta nuova!)

 

 

 

degregorio_1003felicettizucconi031111764hack2006pr-49-20080709serra2659808518_cddafb3999savianocaparezza_11_tif_big1gdm11

Published in: on dicembre 29, 2008 at 9:17 am  Comments (6)  

Just for fun parte II-shopping e animali parlanti

 

 Davanti ai ventilatori accesi:
– Senti che vento, sembra di essere in Africa!
(brrr…)

– Avete phon da uomo?
(niente cose da femminucce!)

– Avete il TV Sony 28 metri?
(non si è sbagliato, è un rapper)

– In questo negozio si può pagare col Bancomarket?

– Vorrei avere delle informazioni su un tostapane.
– Certo, può rivolgersi alla commessa!
– Ah, li fa lei i toast?
(per me un toscano, grazie!)

– Questo telefonino ha anche la fibrillazione?
(in rianimazione, subito)

Il giorno dopo l’entrata in vigore dell’ora legale:
– Senta, mi cambia la pila dell’orologio, che da ieri mi va un’ora indietro?
(poco informato)

– Avete fusilli a 5 volts?
(magnateli te!)

– Senta, ho messo i panni nella lavastoviglie, ora mi si è incastrato tutto
e non si apre più!
(chissà perché…)

– Senta, il mio frigorifero è guasto, perde acqua, trovo tutti gli indumenti
bagnati!
(chissà perchè… n. 2)

– Mi hanno cromato il telefonino.
(ed è venuto bene?)

– Vorrei uno di quei forni a infrarossi, sa, per un neonato…
(chiamate il 113!)

– Quell’antenna a 99.000 lire costa 99.000 lire?
(il diffidente)

– Volevo una radiolina per mettere nella vigna e far scappare i cinghiali!
(basta sintonizzarsi su Radio Gamma 5, quella del filo diretto in Veneto)

– Com’è questo videoregistratore?
– Molto buono, è un Sony.
– Mah, preferisco qualcos’ altro, io delle marche italiane non mi fido!

Al telefono:
– Senta, siccome abito lontano, potrebbe farmi ascoltare la differenza tra
due impianti stereo?

Published in: on dicembre 9, 2008 at 4:49 pm  Comments (1)  

Maniacs

 

153px-homer_sbava1

Ci sono due tipi di maniaci: quelli veri e propri, e su questo non si scherza.

 E poi ci sono i patetici, per lo più innocui.

Quelli che collezionano figuracce da chocolate maker e a cui, in fondo, bisogna esser grati perché riempiono i momenti morti sul lavoro: Questa te la devo raccontare, ieri in autobus c’era un tipo…

 Sapete a chi mi riferisco.

 Quelli che anche se gli hai chiesto come arrivare alla fermata della metro riempiono l’informazione con Bellissima gira a destra bellissima fino al semaforo bellissima.

 

Gli infantili: Quelli che ti arrivano alle spalle, ti farfugliano qualcosa e scappano.

 

I poeti mancati come quel  padre di famiglia in spiaggia: Guarda Tommy, una sirena che esce dalle acque…

 

Gli approfittatori o i finti altruisti  come i militari in treno : Ti porto io la valigia!

E come dimenticare quel giorno in spiaggia in pieno tsunami (Vuoi un asciugamano? Ma è sempre così il tempo dalle tue parti?)

 

Poi i pervertiti: quelli che ti sorprendono quando esci dal Pam sicura di avere una mise che farebbe scappare anche Fritz Haarman e invece fammi questo-fammi quello …Non dimenticherò mai il coraggio di Giò che quella volta a Bologna rispose: OK, tirati giù i pantaloni e facciamo presto che ho solo 5 minuti.  Ammutoliti.

 

Anch’io vorrei avere il coraggio di farlo.

Ma ho sempre paura che mi dicano:OK.

Published in: on dicembre 5, 2008 at 12:25 pm  Comments (6)  
Tags: ,

Giorni veneziani

100_02582 

 

Certe volte ti senti soddisfatta di tè stessa.

 

E chi non lo è dopo due ore con un’italoamericana che parla amalfitano stretto e che sembra uscita dai Soprano? I’m very crazy aggia capì??

Oggi non son riuscita a star dietro agli sbadigli di F: ne ho contati almeno 47 in soli  trentaminuti, più di uno all’ora.

 

E poi la sveglia quando è buio ma almeno mi evito il mercato davanti alla stazione.

E i camerieri in campo S.Margherita, allegri come beccamorti.

 

 In fondo da ogni persona viene qualcosa di buono. Anche da quel ragazzo che, anni fa, in quel giorno di pioggia nella cabina telefonica mi disse Non darlo mai via.

E io, pensando si riferisse al telefono e alla vecchietta che sbraitava fuori dalla cabina: no che non lo mollo! Volevo dire il carattere. Ah.

 

Ok, ma anche il telefono però.

 

Published in: on novembre 22, 2008 at 10:38 pm  Comments (6)  
Tags:

Yes, they can. Why can’t we too?

Le mie medie intolleranti

Un omaggio ai favolosi tempi delle medie

Grazie per per avermi fatto diventare quella che sono: se non mi sono buttata in un pozzo allora

adesso sono pronta a tutto

CAPAREZZA-LA MIA PARTE INTOLLERANTE(2006)

3° B di un I.T.C. Una classe di classici figli di... Ho dubbi amletici tipici dei 16: essere o non essere patetici/ Non vivo di pallone, non parlo di figone, non indosso vesti buone, quindi sono fuori da ogni discussione/Cari professori miei, io vorrei che in giro ci fossero meno bulli del cazzo e più gay,
più dreadlock e meno monclair, più Stratocaster e meno DJ

 

 

Published in: on novembre 4, 2008 at 8:18 am  Comments (1)  
Tags: , , , ,

Librofaccia

LE REGOLE
1.Un profilo completo fa la gioia dei ladri d’identità
2.Non taggare gli amici venuti male in foto: la loro vendetta sarà fin troppo facile
3.Convinciti che puoi vivere anche senza sapere “Tu che film sei?”
4.Gli errori di ortografia del tuo status rivelano lo stato della tua istruzione
5.Non t’illudere: avere 245 amici su Facebook non vuol dire che hai una vita sociale

DA INTERNAZIONALE N.768,31 ottobre/6 novembre 2008

Published in: on novembre 3, 2008 at 8:26 am  Comments (1)  
Tags: , , ,

Vincent

Chi non si è mai sentito un pò Vincent da bambino?

Oppure ero solo io che a dieci anni leggevo i racconti di Poe?

Comunque ecco il primo cortometraggio di Tim Burton.

Chissà perchè l’hanno cacciato dalla Disney (o come direbbe Bart Simpson sono il topo di una pessima multinazionale)

Published in: on ottobre 30, 2008 at 9:03 am  Comments (2)  
Tags: , , ,

Cena sulla quarta corda

Cena a casa Macchi

Il brodo della mamma uh, la pastina di nonna Ida e il pane ai cereali fatto in casa, Artù e Nanà che osservano la pioggia, Maia che si trascina avanti e indietro, come una vecchietta con la sciatica.

E babbo che suona la quarta corda al pianoforte.

Che bella che era la sigla di Quark!

Published in: on ottobre 29, 2008 at 8:27 am  Lascia un commento  
Tags: ,

Dormire è essere svegli da un’altra parte

La scena di Scrat in paradiso è esattamente quello che provo ogni mattina al risveglio.

Settimana elettrica

E’ un pò che non scrivo. Anche se le visite sono sempre più numerose (quasi 9000 da febbraio: grazie ragazzi) mi dimentico che questo blog l’ho cominciato per me. Per tenere i pensieri in ordine e impedire che ti portino alla deriva.

Questa è stata una settimana da scintille: stressante oltre ogni dire. Dopo visite mediche a Padova, treni che partono quand’è ancora buio (alba su Dolo: imperdibile) studenti che odiano il tiramisù-e-si-iscrivono-all’-attività-del-tiramisù, discussioni elettriche e fornetti inaffidabili, studentesse che arrrivano un quarto d’ora dopo tanto siamo in Italia e tu sei lì che aspetti da mezz’ora , americani che vogliono intagliare le zucche per Halloween a scuola(dear guys: prendete il primo volo per il New Jersey e buon divertimento) arrivi al punto che non tolleri più niente.

Neanche i politici in tv che si chiamano per nome “Ma no, Marino, non volevo dire questo, Ma no, caro Massimo, non hai capito”tanto per rinforzare dentro di te l’idea che tanto, rivali o no, sono tutti amiconi e che la politica è un giochetto di potere tra addetti ai lavori. Vuoi mettere con lo stile d’oltralpe? Monsieur Sarkozy, je ne vous permette pas de…Madame Royal, vous avez tout à fait raison…

 E poi non sopporti più quelle facce da prendo-il-treno-una-volta-l’anno mentre tu ci abiti quasi e devo sorbirti i loro rimbrotti perchè occupi il loro posto(Qualcuno di trenitalia può fare qualcosa per dare agli abbonati dei posti a sedere garantiti?Grazie) Per fortuna la settimana sta finendo. Speriamo nella prossima. Perchè anche il weekend promette male.

Published in: on ottobre 25, 2008 at 9:04 am  Comments (2)  
Tags: , , , ,

Just for fun

La nebbia è arrivata e con lei il raffreddore: i miei studenti starnutano e tossiscono che -neanche- in- un- gulag. Allora ho voglia di ridere un pò: grazie a FP che mi ha passato queste perle.

“DIALOGHI VERI SVOLTISI NEI NEGOZI UNIEURO” parte I

Di fronte ai forni a microonde:
– Sono tutti portatili questi televisori?
(buona visione)

– Avete quello per attirare le farfalle nei negozi?
(l’entomologo)

– Che differenza c’è tra questi due televisori Sony?
– Questo costa di più perché è stereo…
– Ah, non è Sony?

– Quella sveglia ha la sveglia?

– Che differenza c’è tra le cassette da 30 minuti e quella da 45 minuti?

Il commesso spiega il funzionamento di un telefono senza filo:
– Questo ha una portata di 100 metri.
– Ah, allora posso telefonare solo a quelli del palazzo di fronte?
– Scusi, cosa vuol dire la scritta SCART che vedo su alcuni televisori?
– Vuol dire che hanno una presa apposita per videoregistratori.
– Ah, credevo fossero degli scarti di magazzino…
(e lo scrivono sulla scatola?)

– Questo televisore che tipo di tubo cattolico monta?
(versione giubileo)


Mimando il gesto di lavarsi i denti:
– Volevo vedere dei rasoi elettrici.
(ahia)

– Avete un televisore a 18 cavalli?
(il cow boy)

– Avete le lampade a basso risparmio energetico?
(meglio non esagerare)

– Questa telecamera ha anche l’effetto piovra?

– Questo trapano serve anche per svitare e invitare?
(rsvp)

– Ci sono i telefoni tipo walkman?

– Vorrei uno stereo, volevo spendere tra le 500 mila e il mezzo milione.
(le idee chiare)

 

 

Published in: on ottobre 17, 2008 at 7:15 am  Lascia un commento  
Tags: ,

Mondo stinfio

La dott alza gli occhi dai risultati degli esami e mi guarda:

Ma che vita fai??

Chissà cosa le hanno raccontato i miei globuli rossi. Forse ce ne è uno a forma di tenerina, la torta tipica di Ferrra. Chissà come Yocci disegnerebbe questa scena.

 Dottore guardame occhio grandi

Di sicuro dopo la festa di Internazionale tutto sembra più stinfio, come dice Piperita Patty di Schulz. Yocci che mi disegna, che dice solo sì o no, le merende al Cafè de la Paix, il Panpizza, i monaci tibetani e i cappellacci al ragù, il cous cous, i libri, la garanzia che in quella fila nessuno ha votato per lui, Leo Hickman e il suo ecoviaggio Londra/Ferrara, le bici.

E’ da malati pensare già alla festa del prossimo anno?

8 PER MILLE

Molte scuole, nessuna chiesa.

A sentirla sembrerebbe il motto di un partito comunista-mangia-bambini. Invece è lo slogan della campagna dell’8 per mille alla chiesa valdese. Significa che tutti i soldi delle donazioni vengono impiegati esclusivamente per le opere caritatevoli. Sembra funzionare, dato che sono più gli italiani che devolvono l’8 per mille alla chiesa valdese dei valdesi stessi. Un comportamento che sembra constrastare con quello della chiesa cattolica italiana. Curzio Maltese nel suo libro “La questua” ha calcolato che la campagna pubblicitaria della chiesa cattolica del 2005 è costata 9 milioni di euro. Il triplo di quanto la chiesa ha poi donato alle vittime dello Tsunami.

Per approfondimenti:

http://www.ottopermillevaldese.org/

Published in: on settembre 29, 2008 at 7:50 am  Lascia un commento  
Tags: , , ,

Mad Season

Divi di plastica, i ribelli progettati a tavolino, gli sguardi languidi studiati per il mercato, le finte lolite platinate BLEAH!

Questa è  LA VERA MUSICA:

Così tante lacrime, sto iniziando ad annegare
La pioggia è tutta scesa in paradiso
Dio sa che me ne sono andato
Il Signore è una tempesta e io sono diretto verso la caduta
Questi peccati sono miei e ho fatto le cose sbagliate
Ho ancora paura, come allora, ho perso la mia strada
E grido a Dio di riportarmi le mie giornate di sole

LONG GONE DAY, ABOVE, 1995

[

Published in: on settembre 20, 2008 at 8:46 am  Comments (2)  
Tags: , ,

Blu greco

Gatti con le zampe lunghe, gatti magri.Bianco e blu. Cubi di case. Spiagge. Coppie gay e contadini sugli asini. Paesaggio brullo, montagne aspre. Donne in nero. Chiesette bianche come zucchero filato. Il blu del cielo e delle porte. Cantieri e cani alla catena. Campagna desolata di un’Italia povera ann’60.Vecchi vestiti di blu scuro. Mare, ancora blu, blu greco.

Published in: on settembre 20, 2008 at 8:16 am  Comments (8)  
Tags: , ,

Se lo avrei saputo te lo imparavo

Anche voi provate l’impulso a strapparvi le orecchie ogni volta che degli animali parlanti usano l’indicativo invece del congiuntivo?

Anche voi soffrite ad ogni violenza del periodo ipotetico?

Allora vi piacerà di sicuro Non mi chiedermi di Paola Cortellesi:

” Se potrei dire cose meno imbarazzanti le direi ma non sarei più gradita in una girl band

Biscotti cinesi

Ognuno di noi ha le sue fissazioni orali.

Parlo di cibo, si intende.

Chi stravede per il gelato, chi per la pizza, chi per i sottaceti( …).

Bene, io per questi misteriosi biscotti cinesi. Gli ingredienti? Crema di soia e chissà.

Ottimi per la colazione dopo una notte in frigo. Si possono mangiare fino a quattro prima di collassare per il mal di pancia.

Punti di rifornimento: negozio di alimentari cinese di Mestre davanti alla stazione; ristorante di Mae Chong a Vicenza, supermercato cino-giappo-filippino di Basilea. Giusto dietro l’angolo.

Published in: on settembre 10, 2008 at 7:51 am  Comments (4)  
Tags: ,

Naxos

Sono in partenza per la Grecia.

Domani volo e arrivo a Mykonos. Prima notte sull’isola, il mattino dopo rotta verso Naxos.

Un bacio a tutti!

Published in: on agosto 31, 2008 at 8:08 am  Lascia un commento  
Tags: ,

Oh my god! Shoes addicted

Lyam Kyle Sullivan è un comico americano. Kelly una teenager americana bionda.

Shoes è la  parodia dell’ american girl ebete e dei video pretenziosi e merita!

Se anche voi ,come me, siete delle shoes addicted come vi sentite quando vi dicono: Ma non hai già troppe scarpe?

E quando vi decidete dopo mesi ad entrare in quel negozio dove avete adocchiato quel paio e vi dicono: Non c’è il tuo numero…

Shoes. Oh my God, shoes.
Let’s get some shoes.
I think you have too many shoes.
Shut up!

Published in: on agosto 27, 2008 at 2:19 pm  Comments (11)  
Tags: , , , , ,

E se in fila ci fosse lui?

3 agosto, Padova, 37 gradi all’ombra, chiesa di Sant’Antonio.

Faccio per entrare.

Saluto il Custode della Sacra Morale Cattolica all’entrata: sono sicura di passare con il mio abito nero fino al ginocchio, maniche corte e scollo frontale da suorina.

Ma dietrofont!

 “Copriti!”, mi fa il custode, con un tono ben poco fraterno e molto ciellino. 

Oh no, sono impudica!

Ho una scollatura sulla schiena di ben 5 centimetri. Però, che occhio, volete armarvi anche di righello?

Retrocedo, stupidamente ho lasciato la sciarpa e il golf a casa.

Ma mi chiedo: ma Gesù non andava scalzo?

 Ps: Non è che voglio sempre parlar bene dei valdesi(anche loro ne hanno di difetti!) però volevo informarvi che non esiste nessun diktat sull’abbigliamento per entrare in chiesa: gambe, braccia, scollature-soprattutto in estate- fanno parte del corpo umano. Siamo fatti così…

Cicci Pasticci

F’P ha lanciato i video di Artù e Nanà nell’etere.

Non sono dolci e coccolosi?

Ps: la musica del primo video fa pietà.

Published in: on agosto 25, 2008 at 7:56 pm  Lascia un commento  
Tags: , ,

Umano troppo umano

Quando aspetti tutta la settimana il weekend per riposarti, dormire e divertirti e poi ti svegli sabato mattina alle 6 con un raffreddore super cosa fai?

Ma cazzeggio su internet.

Questa è una sciocchezza, lo so. Ma mamma panda non vi sembra uno di quei ciccioni overseas?

Published in: on agosto 23, 2008 at 5:34 pm  Comments (3)  
Tags: , ,
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.